La Conferenza sul futuro dell’Europa: com’è nata e come funziona questo strumento di democrazia diretta

La Conferenza sul futuro dell’Europa è di fatto un processo dal basso verso l’alto”, incentrato appunto sui cittadini, che consente agli Europei di esprimere la loro opinione su ciò che si aspettano dall’Unione. Conferirà ai cittadini un ruolo più incisivo nella definizione delle future politiche e ambizioni dell’Unione stessa, con l’obiettivo immediato di migliorare la resilienza e la ripresa dal periodo difficile pandemico.

Sostanzialmente ci si aspetta che tutto ciò accada attraverso molteplici eventi e dibattiti organizzati in tutta l’Unione, nonché attraverso una piattaforma digitale multilingue interattiva che raccoglierà, analizzerà, monitorerà e pubblicherà i contributi di tutti gli eventi relativi alla Conferenza. Un meccanismo di feedback garantirà che le idee formulate durante gli eventi connessi alla Conferenza si traducano in raccomandazioni concrete per le future azioni dell’UE.
Gli eventi organizzati nel quadro della Conferenza sul futuro dell’Europa, in presenza o in formato virtuale, potranno essere svolti a diversi livelli, ad esempio a livello europeo, nazionale, transnazionale e regionale, e coinvolgeranno la società civile e le parti interessate. La partecipazione dei cittadini a tali eventi dovrebbe mirare a rispecchiare la diversità dell’Europa.

Ma la domanda sorge spontanea: in che modo si potrà controllare, monitorare e razionalizzare la molteplicità di contributi che arriveranno ai “piani alti” dell’Unione? Una sessione plenaria della Conferenza, che si riunirà ogni sei mesi, garantirà che le raccomandazioni dei panel di cittadini a livello nazionale ed europeo, raggruppate per temi, siano discusse senza un esito prestabilito e senza limitare il campo di applicazione a settori d’intervento predefiniti.

Fin qui quindi tutto chiaro. Obiettivo nobile e sfidante per la nuova Unione Europea, quella che guarda al futuro non solo nei traguardi che si prefigge, ma anche e soprattutto nei modi e gli strumenti per raggiungerli. Alla fine dei conti, quindi, perché da singolo cittadino europeo dovrei partecipare alla Conferenza sul futuro dell’Europa? Perchè è la prima, vera occasione per esprimere la propria opinione nel pieno esercizio del proprio potere democratico e della propria cittadinanza attiva. Per la prima volta da singoli cittadini europei possiamo far sentire la nostra voce direttamente alle istituzioni europee che ci rappresentano, con il potere di influenzare le politiche comunitarie dei prossimi decenni.

Oggi vogliamo invitare tutti gli europei a esprimersi. Per spiegare in quale Europa vogliono vivere, per plasmarla e per unire le forze e aiutarci a costruirla. Le aspettative dei cittadini sono chiare: vogliono dire la loro sul futuro dell’Europa, sulle questioni che incidono sulla loro vita. La nostra promessa di oggi è altrettanto chiara: noi li ascolteremo. E poi agiremo”. La Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen – Bruxelles, 10 marzo 2021

Settori di interesse: Sulla scorta dell’agenda strategica del Consiglio europeo, degli orientamenti politici 2019-2024 della Commissione europea e in considerazione delle sfide poste dalla pandemia di COVID-19, le discussioni riguarderanno, tra l’altro:

  • La costruzione di un continente sano, la lotta contro i cambiamenti climatici e le sfide ambientali, un’economia al servizio delle persone, l’equità sociale, l’uguaglianza e la solidarietà intergenerazionale, la trasformazione digitale dell’Europa, i diritti e valori europei, tra cui lo Stato di diritto, le sfide migratorie, la sicurezza, il ruolo dell’UE nel mondo, le fondamenta democratiche dell’Unione e come rafforzare i processi democratici che governano l’Unione europea.
  • Le discussioni potranno riguardare anche questioni trasversali connesse alla capacità dell’UE di realizzare le priorità politiche, tra cui legiferare meglio, l’applicazione dei principi di sussidiarietà e proporzionalità, la trasparenza.
  • La portata della Conferenza dovrebbe riflettere i settori in cui l’Unione europea ha la competenza ad agire o in cui l’azione dell’Unione europea sarebbe stata vantaggiosa per i cittadini europei. I cittadini restano liberi di sollevare ulteriori questioni che li riguardano.

La piattaforma: Per venire coinvolti ci sono tre possibilità:

  1. partecipare ad un evento
  2. condividere la propria ideae
  3. creare un evento.

In tutti e tre i casi è necessario, accedere sulla piattaforma online ed è possibile farlo attraverso le credenziali UE, delle credenziali uniche che permettono di accedere a tutti i portali dell’Unione europea (ad esempio il Portale europeo dei giovani, il Corpo europeo di solidarietà, Erasmus+,…).
Una guida alla creazione dell’account UE è disponibile a questo link.


References:

https://futureu.europa.eu/?locale=it
https://futureu.europa.eu/pages/panels
https://futureu.europa.eu/pages/charter
https://europedirect.comune.trieste.it/la-conferenza-sul-futuro-delleuropa/

Notizie correlate

progetto Focus

04 Dicembre 2021

Progetto FOCUS: avviato il percorso formativo per sviluppare nuove competenze fondamentali per chi opera nel sociale.

Con il Progetto FOCUS Ifoa ha creato un piano formativo in grado di sviluppare conoscenze nuove e fondamentali per chi opera nel settore del sociale, e per venire incontro ai bisogni e alle esigenze di…

Leggi l'articolo
STILE

30 Novembre 2021

Dirigenti sindacali e Rappresentanti territoriali si formano con STILE. Al via i corsi formativi rivolti a tutti coloro che devono operare nell’ambito del dialogo sociale

Sindacalismo Tecnologie e Innovazione per un Lavoro in Evoluzione: è questo il nome del nuovo progetto formativo di Ifoa, realizzato in partnership con Confsalform. Nasce STILE: il nuovo progetto di Ifoa, realizzato in partnership con…

Leggi l'articolo

26 Novembre 2021

Scomparsa del Presidente IFOA Loris Giberti

Con grande cordoglio, Ifoa si stringe attorno ai familiari e agli amici del Presidente di IFOA Lorenzo Giberti. Con grande cordoglio, Ifoa si unisce a familiari e amici del Presidente di IFOA Lorenzo Giberti, per…

Leggi l'articolo
Eurobarometro

25 Novembre 2021

Noi italiani virtuosi cittadini europei: dai risultati dell’Eurobarometro 2021 alla personale visione di Europa di Luca Boetti, Responsabile Progetti europei di Ifoa ed europeista convinto (e non per caso)

Dai risultati dell’Eurobarometro 2021 emerge che più di un italiano su due conosce la Politica di coesione europea. Potremmo quindi essere tra i più virtuosi artefici della Conferenza sul futuro dell’Europa? Da italiani, possiamo serenamente…

Leggi l'articolo