Progetto IC EU: il 2 ottobre si è tenuta la conferenza finale presso il Nod Makerspace di Bucharest

22 Novembre 2019

Si è concluso il progetto IC EU con un incontro dedicato ai temi dell’intercomprensione, dell’apprendimento linguistico, dell’inclusione, della cittadinanza europea, e dell’interculturalità. 

IC EU_interna

Sabato 2 ottobre presso il Nod Makerspace di Bucharest, i partner del progetto IC EU (ENOA dalla Romania – Ass. Intercultura dalla Francia – Ifoa dall’Italia) con la partecipazione straordinaria della prof.ssa Filomena Capucho (Univ. Cattolica Portoghese), hanno organizzato la conferenza finale del progetto per parlare di intercomprensione, apprendimento linguistico, inclusione, cittadinanza europea, e interculturalità. Il progetto IC EU, nato nel 2017, aveva l’obiettivo di promuovere l’occupabilità dei giovani e sensibilizzare sui diritti e le responsabilità dei cittadini dell’UE.

Le organizzazioni partner di Romania, Francia e Italia si sono unite per creare un kit di materiali e metodologie progettate e pensate per chi opera a contatto con i giovani, al fine di coinvolgerli e invitarli a riflettere sulla cittadinanza europea, sviluppare le competenze linguistiche e facilitare la mobilità internazionale.

IC EU è finito, ma non si interrompe il lavoro di Ifoa sull’intercomprensione. Spetterà a INTERMOVE for TRAINERS, il progetto europeo di Erasmus+, continuazione di Intermove, nato nel 2015, l’obiettivo di “formare i formatori” che operano nell’ambito della mobilità europea e con studenti in Erasmus, mirando ad aiutare i partecipanti nel superare le barriere comuni alla mobilità come le questioni interculturali, per sviluppare una competenza comunicativa plurilinguistica.