Bilancio delle Competenze: che cosa è e a cosa serve. Un esempio pratico ci aiuta a capirlo meglio.

bilancio-delle-competenze

Siamo noi gli artefici del nostro destino. E del nostro futuro.

Ognuno di noi ha compiuto scelte, preso decisioni, frequentato studi, lavorato in certi settori con l’obiettivo di vivere bene, cercando di migliorarsi sempre per sentirsi realizzato. C’è chi si ritiene soddisfatto del percorso professionale intrapreso e non lo cambierebbe per nulla al mondo, c’è chi invece vorrebbe trovare il modo per scrutare nuovi orizzonti professionali ed infine c’è chi desidererebbe cambiare rotta per rimettersi in gioco nel mondo del lavoro.

Abbiamo chiesto a Stefania Pratissoli, che in IFOA si occupa di Orientamento, di parlarci del Bilancio delle Competenze, una modalità per capire dove siamo arrivati, quali sono le nostre potenzialità, i nostri punti di forza e di debolezza, dove vogliamo arrivare, cosa sogniamo per il nostro futuro.

 

Ciao Stefania, in Ifoa ti occupi di prima informazione, orientamento professionale e ricerca e selezione del personale. Puoi spiegarci cos’è il Bilancio delle Competenze e a cosa serve?

Ciao, nell’ambito del mio lavoro tutti i giorni incontro persone che vengono al nostro sportello informativo cercando indicazioni, strumenti e percorsi per inserirsi o reinserirsi nel mondo del lavoro. Il mio compito è quello di cercare di definire insieme a loro quale sia il bisogno e di individuare se tra le varie attività di Ifoa ci sia qualcosa che possa rispondere alle esigenze che esprimono.

Buona parte della mia attività, che ha inizio già col primo approccio conoscitivo con l’utente, si svolge poi nell’organizzazione e gestione delle attività di orientamento professionale vero e proprio, ossia tutti quei percorsi, individuali o di aula, che hanno come obiettivo principale quello di rendere le persone autonome e proattive nell’individuare e perseguire il proprio obiettivo professionale.

Il Bilancio delle Competenze è quello strumento di grande utilità in un percorso di consulenza orientativa individuale che consente alla persona di fare il punto su di sé e sulla propria situazione professionale, per progettare un inserimento o reinserimento lavorativo o per sviluppare la propria professionalità.

Il percorso è l’occasione per ripercorrere e valorizzare le proprie esperienze professionali e di vita, mettere a fuoco le proprie conoscenze e competenze, individuare un obiettivo professionale più concreto e definito (quale lavoro potrei fare?) e definire un vero e proprio piano di azione con tempi e modalità di perseguimento dell’obiettivo delineato.

Per chi potrebbe essere utile un Bilancio delle Competenze?

I destinatari di questo tipo di consulenza possono essere veramente molto diversi tra loro per esperienze ed esigenze. Per questo la consulenza individuale è certamente la dimensione migliore per questi approfondimenti: non ci sono mai percorsi uguali tra loro esattamente come sempre diverse tra loro sono le persone.

Il percorso si può rivolgere quindi a lavoratori che ricercano uno sviluppo professionale e di carriera, a disoccupati impegnati nella ricerca di nuove opportunità o che intendono reinserirsi nel mondo del lavoro dopo un periodo di lontananza volontaria, o a chiunque senta la necessità di un ragionamento e una valutazione più approfondita e guidata sul proprio percorso professionale a qualunque punto esso si trovi.

Puoi farci un esempio pratico di come si struttura un Bilancio delle Competenze?

Certo, ipotizziamo che l’utente Maria Rossi si rechi allo Sportello Ifoa perché desidera ricollocarsi sul mercato del lavoro dopo un’esperienza decennale come gerente di negozio di una catena della Grande Distribuzione. Il primo approccio con Maria sarà quello di farsi raccontare da lei chi è, il suo percorso di studi, le sue esperienze lavorative nel corso degli anni e il perché è arrivata a decidere di cambiare lavoro o comunque di reinventarsi. Questa prima fase è funzionale a stabilire una relazione di fiducia tra l’orientatore e l’utente, oltre a consentire già di acquisire delle informazioni rilevanti sul profilo di Maria. È già da questo momento che si comincia a compilare il Bilancio delle Competenze. Il Bilancio è strutturato in griglie che suddividono le competenze tecniche dalle trasversali per arrivare ad individuare motivazioni/valori/aspirazioni. Ciò che non è banale e sarà di grande aiuto sia all’orientatore che all’utente è vedere nero su bianco, quindi esploso e reso concreto ed analizzabile, il “pacchetto” di competenze che delineano la personalità e il profilo professionale di partenza della persona stessa su cui poi costruire il percorso e individuare che strada prendere. Sempre per tornare all’esempio di Maria Rossi, per fare la gerente di punto vendita avrà sviluppato sia competenze relazionali e di approccio al cliente che di gestione (del personale) e organizzazione e coordinamento (di tutte le attività del punto vendita). Per questi motivi, nel dover individuare quali strade Maria potrebbe percorrere per reinventare la propria carriera, l’orientatore potrebbe guidarla nel valutare di ricollocarsi in un contesto diverso da prima, come quello aziendale, per esempio nell’Ufficio Risorse Umane piuttosto che come Segretaria di Direzione, sfruttando così le competenze acquisite nel rapportarsi con le persone (comunicazione e relazione), nel gestire e coordinare molteplici attività e nel problem solving.

Il percorso Bilancio delle Competenze offerto da Ifoa è un format della durata di 16 ore, modulabili e variabili che porta avanti gradualmente incontri di consulenza e orientamento face-to-face con l’utente. Tra un incontro e l’altro l’utente ha il tempo necessario per riflettere sui temi affrontati e rielaborare i consigli e le osservazioni che gli arrivano dal professionista che lo supporta. In un arco temporale di circa 2 mesi si concluderà quindi questo iter che porterà alla compilazione di un documento ufficiale, detto Portfolio delle Competenze, che esemplifica il set di skills di quella persona, con i punti di forza e le aree di miglioramento, una descrizione dettagliata dell’obiettivo professionale, sottoforma di un vero e proprio progetto (tempi e modalità di realizzazione), documento che potrà utilizzare nella ricerca di un lavoro, eventualmente in accompagnamento e a supporto del Curriculum Vitae.

Ifoa, tuttavia, mette a disposizione anche un altro tipo di servizio di orientamento al lavoro meno strutturato e più “smart” rispetto al Bilancio delle Competenze. Si tratta del Laboratorio individuale di orientamento e ricerca attiva di lavoro, ovvero un percorso individuale con un consulente Ifoa, della durata di 4 ore, che porta all’individuazione di un progetto professionale e formativo personalizzato, alla luce dell’approfondimento delle pregresse esperienze. Dopo alcune indicazioni per migliorare (o stendere ex-novo) il CV, l’obiettivo è quello di rendere la persona autonoma sulla parte operativa di ricerca del lavoro, studiando insieme un piano d’azione. La formula del colloquio individuale consente una forte personalizzazione dell’attività e l’affiancamento nella realizzazione dell’attività di ricerca di lavoro vera e propria.

Ringraziamo Stefania per la sua testimonianza e per il prezioso lavoro che svolge come orientatore. È infatti spesso difficile per le persone avere la consapevolezza delle molte competenze che hanno a disposizione e che possono aver maturato in contesti e modi diversi, tramite esperienze professionali, formative e personali. Questa scarsa consapevolezza genera sfiducia nei propri mezzi e soprattutto difficoltà ad individuare in modo autonomo le direzioni da prendere e gli strumenti più adeguati per raggiungere gli obiettivi. Un accompagnamento competente in questo senso è quindi utile a guidare la persona in un percorso di scoperta e messa a fuoco che consente di fare chiarezza nell’insieme confuso di esperienze, esigenze, timori e possibilità.

Se anche tu desideri “fare il punto della situazione” su te stesso, approfondisci il percorso di consulenza orientativa che ti offre Ifoa cliccando Bilancio competenze oppure Laboratorio individuale

 

Notizie correlate

22 Ottobre 2020

Come sviluppare il business sui mercati esteri

Obiettivi Il corso "Come sviluppare il business sui mercati esteri" della durata di 24 ore realizzato da IFOA per imprese della provincia di Messina e finanziato dalla locale CCIAA, ha l’obiettivo di aiutare le aziende…

Leggi l'articolo

15 Ottobre 2020

Mid season sales! Il Sapere Utile di Ifoa a prezzi scontati

Su una selezione di sette corsi brevi in modalità webinar, Ifoa ha scelto di applicare un prezzo particolarmente scontato per l’edizione autunnale 2020. Per il mese di ottobre 2020 Ifoa ha deciso di applicare uno…

Leggi l'articolo
Festival della cultura tecnica

01 Ottobre 2020

Festival della Cultura Tecnica 2020: parte il countdown! Mercoledì 14 ottobre la giornata di inaugurazione in diretta streaming

La Direzione Ifoa interverrà alla giornata inaugurale della rassegna, in quanto partner attuatore del piano annuale per l’orientamento e il successo formativo e responsabile della raccolta degli eventi in cartellone. Mercoledì 14 ottobre si aprirà…

Leggi l'articolo
scambi interculturali

30 Settembre 2020

“Da dove iniziare per entrare nel mondo del lavoro?” Demi ci racconta la sua esperienza con il progetto di scambi interculturali AFS che, in collaborazione con Ifoa, l’ha portata in Italia

Demi è una giovane ragazza di 24 anni originaria del Guatemala. Grazie alla collaborazione tra Ifoa e AFS Guatemala, organizzazione pioniera nello sviluppo di programmi di educazione e scambi interculturali, il 20 gennaio 2020 è…

Leggi l'articolo