Corso E-commerce Project Manager – Programma Garanzia Giovani

Obiettivi:

Attualmente l'E-commerce Project Manager, è una delle figure professionali nel campo dell'economia digitale maggiormente richieste.

Negli ultimi anni, e soprattutto negli ultimi mesi, avere un business online è fondamentale per riuscire ad intercettare una determinata quantità di clienti, impossibile da raggiungere solamente attraverso un business offline.

Una figura come quella dell'E-commerce Project Manager può aiutare i piccoli imprenditori ad espandere la propria attività ampliando il bacino di clienti raggiungibili, riuscendo a mantenere vivo il proprio business.

Il percorso, con l'obiettivo di aiutare i giovani ad avvicinarsi al "mondo digitale" attraverso l'apertura di una propria attività, fornisce gli strumenti per promuovere con efficacia un eCommerce, migliorare la User Experience, aumentare il ritorno sull'investimento e utilizzare in un'ottica di business i dati a disposizione.

NUMERO VERDE:
049 7800006
CATEGORIA
Senza stage/tirocinio
LINEA
Corsi brevi
FORMULA
Webinar
FINANZIAMENTO
Finanziato/Gratuito
DURATA
126 ore
CONDIVIDI

Destinatari

Il corso è rivolto a giovani laureati fino a 29 anni, residenti o domiciliati in Regione Veneto, che hanno assolto l’obbligo d’istruzione e il diritto-dovere all’istruzione e formazione, disoccupati e non iscritti a percorsi di istruzioni e formazione.

I partecipanti dovranno aderire al Programma Garanzia Giovani e in seguito stipulare un Patto di Servizio in Veneto.

Contenuti del corso

La trasformazione digitale in atto nella creazione della strategia d’impresa è ormai un fattore da tenere in debita considerazione. Diventa fondamentale conoscere le dinamiche e gli strumenti del mondo digitale: dalla vendita online alla promozione del proprio prodotto o servizio sulle diverse piattaforme digitali. Il corso è indicato per chi è interessato a nuovi sbocchi professionali in ambito del digitale, e per coloro che hanno già avuto delle prime esperienze di lavoro nell’ambito del marketing e della comunicazione d’impresa. A supporto di tutta la parte di vendita online si analizzeranno tutti gli strumenti di promozione digitale: dal SEO al SEM, alla creazione di contenuti, alle attività di comunicazione sulle diverse piattaforme social arricchendo il modulo con competenze di Influencer marketing e Digital PR. Verranno trasferiti anche i fondamentali per creare un piano di marketing integrato con attività sia offline che online.

Verranno principalmente trattate i seguenti argomenti:

  • La progettazione e definizione di uno spazio web per la vendita online 
  • Caratteristiche della Digital Disruption e la Customer Experience
  • Tecniche di neuromarketing
La Content Curation, dal Content Marketing Strategy al Content Marketing Tools, è la capacità di filtrare e aggiungere valore ai contenuti che riceviamo quotidianamente da tutte le fonti online, ossia il processo di selezione e organizzazione dei contenuti relativi ad un particolare argomento o area tematica. Fare content Strategy & curation, proprio come fare content marketing è molto più che scrivere un buon testo o divulgare un buon contenuto sul proprio sito: si tratta di accelerare il processo di scoperta di contenuti interessanti/rilevanti, o in automatico attraverso tool o siti di raccolta collaborativa
Google Analytics e' un servizio di analisi web che fornisce statistiche e strumenti analitici per mostrare se la strategia di digital marketing e ottimizzazione SEO sta funzionando. Google Analytics mette a disposzione una serie di dati relativi le più svariate categorie (pubblico, conversioni,…) che possono utilissime e hanno lo scopo di far comprendere se il sito sta ottenendo successo online.

“3,9 miliardi di persone fruiscono della rete da mobile e il 59% effettua acquisti online tramite device. La penetrazione digitale media in un anno è aumentata dal 53% al 55,1%3 e i website al mondo sono ad oggi 1,94 miliardi. Lo scorso anno (2018) il 40% della popolazione mondiale - 2,81 miliardi di persone - ha effettuato un acquisto online e si stima che entro il 2022 gli acquirenti online raggiungeranno quota 3,20 miliardi.”

Il report continua analizzando lo scenario italiano riportando alcuni dati interessanti, come quello riguardante la crescita di imprese eCommerce iscritte al Registro Imprese. Nel 2018 “le imprese registrate hanno visto un aumento dell’11,73%” rispetto all’anno precedente e “il valore del fatturato e-commerce in Italia nel 2018 è stimato in 41,5 miliardi di euro, con una crescita del 18% sul 2017.

Tenere sotto controllo gli eCommerce KPI e scegliere quelli migliori per gestire un’attività di vendita online, è quindi fondamentale per qualsiasi tipo di modalità di vendita. Dallo shop proprietario integrato nel sito web, fino ai negozi aperti su Marketplace, come il colosso americano eBay, attraverso i social media o sfruttando tutti e i 3 i canali attraverso una logica di marketing multicanale.

Verranno analizzate:

  • Come sfruttare gli eCommerce KPI;
  • Cosa sono e quali sono e loro caratteristiche;
  • Perché i KPI sono importanti per un eCommerce Strumenti di monitoraggio dei KPI eCommerce.

La normativa ISO 9241-210 definisce la user experience, o esperienza d’uso, come “le percezioni e le reazioni di un utente che derivano dall’uso o dall’aspettativa d’uso di un prodotto, sistema o servizio”, consiste nell'esperienza che un utente prova quando interagisce con un qualsiasi prodotto di design, che sia fisico o digitale. Ecco che la user experience, o abbreviata in UX, si presenta come quella serie di sensazioni, emozioni, pensieri che l’utente prova nell'interazione con l’azienda.

È la reazione del pubblico al biglietto da visita che si trova davanti, a quello che può vedere, leggere, carpire. Diventa quindi importante mettere al centro della progettazione del sito i clienti stessi. Da questo punto di partenza bisogna poi andare a sviluppare un’interfaccia ed un’architettura che sappiano rispondere al meglio alle esigenze del proprio pubblico.

Nell’era della globalizzazione presentarsi al mondo con un sito Internet tradotto è assolutamente indispensabile.

Tuttavia, tradurre un sito non è affatto un’operazione semplice o meccanica. Senza una adeguata localizzazione, ossia adattare il proprio sito non solo alla lingua ma anche e soprattutto alla cultura specifica di ogni mercato di riferimento, si corre il rischio di non ottenere i risultati sperati. È fondamentale ottimizzare nella lingua degli utenti destinatari ad esempio scegliendo le keyword giuste, adottando accorgimenti tecnici come la giusta struttura del sito, un dominio ad hoc o i parametri migliori per Google del paese target.

Argomenti trattati:

  • Ripasso delle strutture grammaticali di base della lingua, sistema fonologico, struttura;
  • Sillabica, accentazione, intonazione della frase, ortografia e punteggiatura;
  • Comprensione e ascolto;
  • Aspetti socio-culturali della lingua e dei Paesi anglofoni.

Durante il coaching si tratterà l’Analisi di Fattibilità.

Lo studio di fattibilità, nell'ambito della progettazione, consiste nell'analisi e nella valutazione sistematica delle caratteristiche, dei costi e dei possibili risultati di un progetto sulla base di una preliminare idea di massima.

Lo studio di fattibilità rappresenta un prezioso strumento di lavoro, fondamentale per orientare le future politiche gestionali dell'investimento stesso. Nello specifico si effettuerà una simulazione dell'idea imprenditoriale con la valutazione della fattibilità e l’analisi rischi, con costi e benefici.

La consulenza individuale si articolerà in 3 moduli. L’allievo lavorerà sulla sua idea imprenditoriale e il consulente lo aiuterà a definirla sempre più.

In primis si vedranno le varie TIPOLOGIE SOCIETARIE per aiutare i ragazzi a decidere qual è la forma giuridica più adatta da scegliere per la propria impresa. La scelta della forma societaria più adatta rappresenta il primo passo verso la definizione della propria idea imprenditoriale. La scelta della forma societaria deve essere effettuata valutando la sostenibilità economica del proprio modello di business valutando anche in base alle opportunità offerte da nuove forme di imprenditorialità, collaborazioni, reti, sharing, coworking, coliving nonché alla conoscenza dei canali per accedere a fondi sono competenze di analisi importante per il successo della propria idea imprenditoriale.

In seguito si svilupperà il proprio BUSINESS PLAN, strumento di gestione fondamentale, un documento programmatico, analitico dalle molte e differenti finalità, prima fra tutte Fornire una guida strategica, un elenco di passi che verranno calcati e di obiettivi che ci si aspetta di raggiungere. Il contenuto del business plan è:

  • Business e prodotti;
  • Mercato e concorrenza;
  • Marketing e vendite;
  • Gestione e personale;
  • Analisi SWOT.

Infine verranno individuati gli STRUMENTI AGEVOLATIVI a disposizione per l’avvio d’impresa ed il sostegno alla stessa. I consulenti aiuteranno i ragazzi a predisporre le domande per la richiesta di tali agevolazioni. Tra queste vi è il SELFIEmployment che finanzia con prestiti a tasso zero l'avvio di piccole iniziative imprenditoriali, promosse da giovani NEET. L'incentivo è gestito da Invitalia nell’ambito del Programma Garanzia Giovani, sotto la supervisione dell’Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro (ANPAL). L’incentivo è rivolto ai NEET, donne inattive e disoccupati di lunga durata con una forte attitudine al lavoro autonomo e all’imprenditorialità e che hanno voglia di mettersi in gioco

Durante la consulenza di gruppo si effettuerà l’analisi di mercato ha lo scopo di comprendere le potenzialità in un determinato mercato e capire l’effettiva attrattività di quel mercato da un punto di vista economico.

L’approfondimento dovrà essere effettuato principalmente in termini di prodotti/servizi, clientela obiettivo, concorrenza e vantaggio competitivo.

Sarà svolto uno Studio della concorrenza, un’Analisi il mercato di riferimento e del pubblico di destinazione

Durante il project work verrà svolta una simulazione dell'idea imprenditoriale con identificazione del target con una strategia di marketing.

Si costruirà un preventivo costi/ricavi  e si monitorerà l'andamento del lavoro legato al raggiungimento degli obbiettivi.

Certificazioni

  • Attestato di frequenza IFOA

Estremi finanziamento

Il corso, attivato sulla sede della regione Veneto, RIF PA 2790-0003-1879-2020 all'interno della DGR  N. 1879 del 29/12/2020 "IL VENETO GIOVANE: START UP!" finanziato dal Fondo Sociale Europeo e dalla Regione Veneto.

Note

Il corso, attivato sulla sede della regione Veneto, RIF PA 2790-0003-1879-2020 all'interno della DGR  N. 1879 del 29/12/2020 "IL VENETO GIOVANE: START UP!" finanziato dal Fondo Sociale Europeo e dalla Regione Veneto.


Enti Finanziatori



Corsi correlati

Richiedi info
(ci permette di fornirti un servizio più veloce e preciso)
Informativa Privacy (Reg. UE 2016/679)
L'informativa estesa relativa al trattamento dei suoi dati personali da parte IFOA la trova all'indirizzo https://www.privacylab.it/informativa.php?09395343333
Presta inoltre il suo consenso al trattamento dei dati personali per le finalità facoltative sotto riportate?
Invio di comunicazione su eventi, servizi e prodotti Ifoa