Job Master Esperto in progetti educativi per il re-inserimento socio-lavorativo

Obiettivi:

Il recupero ed il reinserimento socio-lavorativo di persone in situazione di disagio o esposte a rischio di emarginazione sociale o di devianza richiedono, agli operatori, diverse abilità, acquisite sul campo e puntualmente supervisionate, e numerose capacità, monitorate da professionisti esperti.

Il Job Master Esperto in progetti educativi per il re-inserimento socio-lavorativo si pone l’obiettivo di formare operatori che, avendo acquisito una conoscenza teorica, ma soprattutto una competenza tecnico–pratica, siano in grado di mettere a punto e realizzare progetti educativi volti a promuovere sia la crescita equilibrata della personalità, necessaria al raggiungimento di una piena autonomia, sia lo sviluppo e l’espressione delle potenzialità dell’individuo e consentire percorsi personalizzati di inserimento e reinserimento  socio-lavorativo.

NUMERO VERDE:
800 915108
CATEGORIA
Con stage
LINEA
Post Laurea
FORMULA
Aula
Webinar
FINANZIAMENTO
Non finanziato
DURATA
1050 ore
STAGE
400 ore
CONDIVIDI

Destinatari

Il Master per Esperto in progetti educativi per il re-inserimento socio-lavorativo si rivolge ai laureati:

  • Triennali (di primo livello): che hanno l’obiettivo di accelerare il percorso di “introduzione” al lavoro
  • Specialistici (di secondo livello): che hanno l’obiettivo, dopo una formazione universitaria completa ma ancora “limitata” nei contenuti professionalizzanti, di entrare nel mondo del lavoro attraverso un canale privilegiato e mirato all'area desiderata.

Competenze in uscita

Al termine della formazione gli allievi saranno in grado di:

  • osservare e analizzare gli specifici bisogni del soggetto in relazione al suo vissuto personale, nella sua storia e nelle sue istanze evolutive, al fine di rilevare i deficit nello sviluppo, le carenze affettive, i traumi significativi e compromettenti;
  • conoscere e valutare il soggetto nella sua realtà oggettiva, sapendo rilevare le difficoltà e le risorse del contesto familiare e socio-ambientale, con particolare attenzione al quartiere di provenienza e alle agenzie educative del territorio in cui è inserito;
  • progettare e realizzare, mediante metodologie d’intervento psicopedagogiche e ludico-educative,
  • attività finalizzate al recupero delle aree problematiche della personalità del soggetto;
  • collaborare con altri professionisti con diverse competenze necessarie per una proficua e globale crescita del soggetto;
  • operare nel contesto della prevenzione primaria sul territorio delle situazioni a rischio al fine di promuovere lo sviluppo di relazioni di rete tra le diverse agenzie educative per favorire l'accoglienza, la gestione, l'integrazione dei soggetti con disturbi e difficoltà;
  • organizzare collaborazioni ed intese con i servizi socio-sanitari, le istituzioni pubbliche, le strutture di accoglienza, per promuovere progetti di educazione ambientale ed iniziative culturali in grado di ridimensionare le situazioni di disagio e le condizioni di devianza o di integrazione di soggetti migranti e nomadi;
  • conoscere le istituzioni e il loro funzionamento;
  • gestire percorsi personalizzati di inserimento e reinserimento lavorativo;
  • operare come Case Manager all'interno della rete territoriale dei servizi pubblici e privati per il lavoro.

Contenuti del corso

Finalizzata principalmente al potenziamento delle competenze di base ed in particolare al potenziamento di quelle trasversali, con l’obiettivo di fornire validi strumenti per la crescita individuale e per la conoscenza del contesto di riferimento.

  • Tecniche energetiche di auto-trattamento e di consapevolezza interiore per un approccio olistico alla persona
  • Project Work Warm Up
  • Digital Revolution Skills e Digital mindset
  •  Career Counseling
 

 

L’area prevede testimonianze da parte di imprenditori che hanno scelto di far carriera nel non profit per produrre “beni relazionali” ad alto valore aggiunto. Saranno dunque trattate le seguenti tematiche:

  • il quadro normativo di riferimento entro il quale la cooperazione sociale agisce e muove tasselli;
  • il dialogo con i vari stakeholders (enti pubblici, profit, non profit, università, etc.) al fine di connettere reti, promuovere co-progettazioni e svolgere una funzione di mediazione sociale;
  • Marketing dei servizi;
  • la ricerca di fondi finalizzati allo sviluppo dell’impresa e del territorio di riferimento.
  • Teoria e tecniche per educare (tirare fuori le potenzialità insite in ciascuno)
  • Teoria e tecniche per trasferire contenuti e conoscenze (insegnare ed insegnare ad insegnare)
  • Teoria, tecniche per l’acquisizione di metodologie d’intervento psico-socio-pedagogico, ri-educativo

Sessioni laboratoriali tecnico-esperienziali utili ad operare in modo efficace nei processi di apprendimento essenziali per la crescita e lo sviluppo della persona e per alleviare condizioni o status di malesseri psicologici temporanei o di malattie:

  • il malato demente e il suo nucleo familiare;
  • immigrati, fenomeni migratori e relativa legislazione;
  • educazione all'alimentazione;
  • promozione del benessere con gli adolescenti;
  • educazione e resilienza;
  • scrittura creativa;
  • criminologia, devianza, bullismo;
  • mediazione: familiare, civile e culturale;
  • stress da lavoro correlato;
  • counseling e abilità di counseling: comunicazione (G.H.C.);
  • PEI.

Il mercato del lavoro e le tecniche di ricerca del lavoro basate sulla domanda e sull'offerta (progettazione personalizzata di impiegabilità), tecniche di Career Coaching e colloquio di orientamento individuale e di gruppo (supporto dell'empowerment) per essere in grado di

  • effettuare il Profiling e l’analisi dei fabbisogni dell'utenza (Employability, occupabilità e profiling soggettivo e oggettivo dell'utenza) per la definizione e gestione di percorsi personalizzati di inserimento e reinserimento lavorativo;
  • operare come Case Manager all'interno della rete territoriale dei servizi pubblici e privati per il lavoro. Il Case Manager coordina le operazioni e i processi per garantire che il cittadino riceva i servizi nel modo migliore possibile, sia dal punto di vista dell'efficacia dell'intervento di ricollocazione che da quello dell'ottimizzazione economica
  • I diversi tipi di disabilità (intellettiva, neuromotoria, sensoriale e relazionale) con il macro obiettivo di orientare l’attenzione non al deficit quanto alle risorse presenti nella persona, ponendo le basi per una lettura diagnostica prima e integrativa e riabilitativa dopo. Disabilità fisiche: eziologie e interventi
    • Disabilità intellettive-relazionali: l'autismo
    • Sindromi genetiche e metaboliche
    • La sindrome di Down
    • Disturbi da deficit dell'Attenzione e Iperattività
    • Disturbi Specifici dell'Apprendimento DSA
    • I disturbi del linguaggio e della comunicazione e deficit percettivi
    • La persona anziana e neuropsicopatologie acquisite. La non autosufficienza
    • Disabilità e implicazioni psicologiche
    • Disabilità e scuola
    • La progettazione nei servizi per la disabilità
  • Attività socializzanti-ricreative riabilitative-sportive
    • Strumenti socio-educativi e riabilitativi di routine
    • Attività integrative in linea con le indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che hanno trasformato la definizione di “stato di salute” da “assenza di malattia” a “promozione del benessere”

Percorso individuale e di gruppo di addestramento al ruolo:

  • essere in grado di instaurare e mantenere una solida e valida relazione, rapporto e alleanza;
  • saper gestire i processi di relazione di aiuto in modo attivo e dinamico per riconoscere e gestire i propri ed gli altrui vissuti emotivi.

Finalità dell’area è formare una professionalità in grado di riconoscere le giuste e corrette situazioni per effettuare, se necessario, “l’invio al professionista di competenza”:

  • Psicopatologia delle dipendenze, da quella affettiva a quella di sostanze, con le conseguenti complicanze organico-fisiologiche;
  • Psichiatria e Neuropsichiatria;
  • Neuropsichiatria infantile;
  • Sessuologia clinica.
Al termine della fase d’aula tutti i partecipanti saranno inseriti in stage

Requisiti in ingresso

Motivazione, capacità relazionali, propensione alle professioni d’aiuto, laurea preferibilmente in area umanistica e sociale sono le caratteristiche ideali del partecipante al Master.

Sbocchi occupazionali

La figura professionale dell’Esperto in progetti educativi per il re-inserimento socio-lavorativo esplica la sua attività in strutture e servizi socio-sanitari e socio-educativi pubblici o privati nonché all'interno della rete territoriale dei servizi pubblici e privati per il lavoro come:

  • centri di accoglienza e/o hospice per immigrati, per bambini orfani o in difficoltà, per ragazze madri, per i familiari di malati
  • centri di aggregazione giovanile
  • centri di iniziativa locale per l’occupazione, cooperative di tipo b e rete territoriale dei servizi pubblici e privati per il lavoro
  • centri diurni di sostegno educativo per minori e per il recupero scolastico
  • centri semiresidenziali e/o residenziali e comunità per: tossicodipendenti, adolescenti sottoposti a provvedimenti del tribunale per i minorenni, alcoolisti, disabili psichici adulti e minori, malati di aids o terminali
  • case rifugio per ragazze madri e/o vittime di violenza
  • consultori familiari
  • dormitori pubblici
  • asili notturni e mense pubbliche
  • assistenza ai minori disabili a scuola e in centri diurni
  • assistenza domiciliare ad anziani, diversamente abili, malati di aids, minori
  • strutture carcerarie con adulti e minori

Certificazioni

  • Diploma di Master

Note

I Job Master IFOA sono caratterizzati da un approccio “on the job”, mirato al SAPER FARE ed orientato alla vita d'azienda.

La formazione in aula, momento centrale ed insostituibile della didattica IFOA, consente l’acquisizione di contenuti “specifici”, orientati e focalizzati sulle esigenze delle imprese, grazie a:

  • continua alternanza tra lezioni frontali teoriche ed esercitazioni pratiche
  • costante attività di laboratorio
  • puntuale analisi di casi aziendali
  • lavoro in team

Nei Job master IFOA ad una solida formazione teorica è sempre affiancata una consistente applicazione pratica: ogni modulo didattico è caratterizzato dall'alternanza tra teoria e discussione di casi aziendali che derivano dalla pluriennale esperienza sul campo dei nostri consulenti/formatori.

La formazione in aula è inoltre integrata e completata da una solida esperienza sul campo grazie a:

  • testimonianze e visite aziendali
  • esperienza di team building in outdoor training
  • Stage aziendale di 500 ore

Il metodo didattico si basa infine sulla presenza di un Coordinatore/Responsabile di Master e di un Tutor che affiancheranno l'allievo lungo tutto il percorso formativo: durante la fase di formazione in aula e durante la fase di stage aziendale.

Visualizza la dichiarazione sostitutiva di certificazione.


Corsi correlati

Richiedi info
(ci permette di fornirti un servizio più veloce e preciso)
Informativa Privacy (Reg. UE 2016/679)
L'informativa estesa relativa al trattamento dei suoi dati personali da parte IFOA la trova all'indirizzo https://www.privacylab.it/informativa.php?09395343333
Presta inoltre il suo consenso al trattamento dei dati personali per le finalità facoltative sotto riportate?
Invio di comunicazione su eventi, servizi e prodotti Ifoa