Job Master Consulente del mercato del lavoro e Case Management

Obiettivi:

Il consulente del Mercato del Lavoro opera in tutti i contesti di accompagnamento e supporto allo sviluppo delle dimensioni della professionalità e all'aumento dell'impiegabilità, e in particolare nei momenti di transizione dalla formazione al lavoro, dal lavoro al lavoro e dalla disoccupazione al lavoro.

È il professionista chiave per la gestione ed erogazione delle Politiche Attive del Lavoro (PAL) e di tutti i dispositivi nazionali e regionali di supporto all'aumento dell'impiegabilità dei cittadini che costituiscono per legge i Livelli Essenziali di Prestazione (LEP), ovvero degli standard di offerta che ogni ente che si occupi di mercato del lavoro deve garantire ai cittadini. 

Il consulente del Mercato del Lavoro svolge la sua professione in aziende pubbliche (Centri per l'Impiego, scuole, università e tutti i soggetti individuati dalla normativa del mercato del lavoro) e aziende private (Agenzie per il Lavoro, enti di formazione e enti del privato sociale). 

Con la riforma del mercato del lavoro e dei servizi per l'impiego in Italia il fabbisogno di Consulenti del Mercato del lavoro è in continuo aumento. Gli accreditamenti regionali per il lavoro prevedono che gli addetti abbiano un'esperienza certificabile: gli Enti e le aziende esprimono il bisogno di un numero maggiore di figure preparate e in grado di rendersi velocemente operative nella gestione dei progetti di inserimento e ricollocamento.

Fare Career Planning e Career Coaching significa supportare una richiesta efficace di consulenza e di aiuto, accompagnare la scelta e la decisione, il disegno e la definizione del progetto professionale e di vita per aiutare le persone a sentirsi meno vulnerabili rispetto al mercato del lavoro, e a perseguire la scelta effettuata in modo autonomo e motivato, con un atteggiamento adeguato al raggiungimento degli obiettivi.
In 30 anni di lavoro nel campo della Career Education, dell’orientamento e del placement abbiamo sviluppato interventi rigorosi nel processo e immediatamente operativi, grazie anche a materiali didattici, di bilancio e di accompagnamento completi, dettagliati e pratici, unici in Italia.

Il Job Master Consulente Mercato del Lavoro e Case Management è stato progettato con l’obiettivo di formare una figura professionale specializzata in grado di fornire consulenza alle persone e alle organizzazioni:
  • supportando la creazione di piani d’azione ben formati, in grado di potenziare le risorse personali e il loro rapporto con l’organizzazione e di trovare alternative a comportamenti non funzionali prendendo coscienza degli stili di lavoro e di apprendimento. Il suo lavoro consente l’empowerment del cliente per ottenere miglioramenti nella vita lavorativa e personale, per aumentare le capacità di comunicazione e risoluzione dei conflitti, aumentando la consapevolezza dei talenti e delle potenzialità personali;
  • supportando strategie e politiche di sviluppo, gestione, formazione e valutazione delle risorse umane.

Gli obiettivi del Job Master corrispondono ai tre paradigmi di lavoro nella consulenza di carriera e di ricollocamento, che formano i nostri modelli di intervento psicosociali, di intervento con i lavoratori, e di formazione degli operatori di informazione, orientamento e placement in tutta Italia e all’estero.

  • Career - una visione sistemica dello sviluppo professionale e personale pieno dell’individuo come elemento strategico per affrontare la disoccupazione e la mobilità dei lavoratori, e supportarne l’impiegabilità lungo tutto l’arco dell’esistenza nel rispetto dell’ecologia complessiva di vita. 
  • Change - la consapevolezza della responsabilità individuale nel predisporre fronteggiamento adeguato, e sostenibile, al mutare dei percorsi di carriera, delle situazioni di convivenza sociale ed organizzativa, e delle prospettive di vita. 
  • Coaching - l’insieme di atteggiamenti, tecniche e metodologie di supporto al cambiamento, mutuate dalle migliori pratiche psicosociali, che permettono di scegliere l’intervento più adatto al livello attuale di cambiamento necessario e desiderato dal cliente, integrando i diversi costrutti teorici e gli approcci esistenti. 

Il metodo CCC declina il lavoro sul canvas personale attraverso il Bilancio delle Competenze Generativo, il supporto nell'analisi del mercato nascosto e nelle tecniche di networking online e offline, di utilizzo del capitale sociale, di autocandidatura e job search attiva. 
Integra le migliori pratiche psicosociali e i recenti contributi dalle neuroscienze, che permettono di scegliere l’intervento più adatto al livello attuale di cambiamento necessario e desiderato: la tutorship sull’ambiente di lavoro, l’identificazione e la valorizzazione delle risorse del cliente in comportamenti di soluzione delle sfide delle organizzazioni, il lavoro corporeo sulle emozioni, la ristrutturazione delle convinzioni, il mentoring sui valori e le modalità di lavoro, la sponsorship diretta a tutelare identità e integrare nuovi habitus.

    CATEGORIA
    Con stage
    LINEA
    Post Laurea
    FORMULA
    Aula
    Elearning
    Webinar
    FINANZIAMENTO
    Non finanziato
    DURATA
    1000 ore
    STAGE
    500 ore
    CONDIVIDI

    Destinatari

    Neolaureati, Professionisti e free-lance (Formatori, Psicologi, Counselor, Coach, Orientatori, Consulenti di carriera, operatori di placement, dipendenti e collaboratori delle Agenzie per il Lavoro, operatori dei servizi pubblici e privati all'impiego) tutti gli operatori delle professioni di aiuto che devono utilizzare, nel lavoro quotidiano:

    • competenze di analisi della professionalità dell'utente,
    • competenze di agevolazione delle transizioni professionali,
    • competenze di accompagnamento di clienti e utenti nel fronteggiamento delle sfide legate alla riprogettazione della propria professionalità e di entrata nei mercati del lavoro

    Competenze in uscita

    Il percorso formativo fornisce a coloro che desiderano operare nel sistema del mercato del lavoro e dei servizi per il lavoro le competenze per:

    • Padroneggiare le norme relative al nuovo mercato del lavoro;
    • Gestire percorsi personalizzati di inserimento e reinserimento nel mercato;
    • Accompagnare l'utente nei percorsi di inserimento e reinserimento lavorativo;
    • Monitorare le azioni e procedere al loro corretto inserimento nei sistemi informativi esistenti;
    • Operare come Case Manager all'interno della rete territoriale dei servizi pubblici e privati per il lavoro: il Case Manager coordina le operazioni e i processi per garantire che il cittadino riceva i servizi nel modo migliore possibile, sia dal punto di vista dell'efficacia dell'intervento di ricollocazione che da quello dell'ottimizzazione economica. I compiti di base del Case Manager includono: lo screening e la valutazione del bisogno dell'utente, la pianificazione del servizio e l'utilizzo dei dispositivi di inserimento al lavoro e di ricollocazione previsti dalla normativa, l'erogazione dell'accompagnamento a supporto dell'aumento dell'impiegabilità e il monitoraggio del percorso e del processo.

    In particolare i partecipanti dopo il Job Master saranno in grado di:

    • Gestire colloqui di prima accoglienza per soddisfare le esigenze informative dei cittadini interessati a modificare la propria situazione lavorativa
    • Erogare colloqui di orientamento e di coaching a supporto per l'impiegabilità
    • Individuare le risorse personali e professionali dell'utente spendibili nel mercato del lavoro
    • Elaborare con l'utente un piano formativo e professionale congruo, coerente e fattibile
    • Gestire l'incrocio tra domanda e offerta di lavoro
    • Accompagnare l'utente nel percorso di inserimento e reinserimento lavorativo
    • Monitorare le azioni degli utenti e registrarli sui sistemi informativi previsti dalla normativa

    Contenuti del corso

    IFOA propone ai partecipanti dei Job Master la possibilità di sperimentare in modo pratico tutto quello che accade in un ambiente lavorativo prima ancora di arrivare in azienda così da formare al meglio la velocità di apprendimento, la flessibilità di lavoro e la preparazione per ogni evenienza.
    Il mondo del lavoro, oggi più che mai, chiede velocità, flessibilità e preparazione. Queste attitudini, che sono solitamente acquisite e raffinate direttamente sul luogo di lavoro, vengono qui affrontate durante il percorso formativo.

    • BUSINESS COMMUNICATION: Business communication, Public Speaking: presentare se stessi, Public Speaking: presentare un progetto, Business writing: scrivere mail e report aziendali
    • PROBLEM SOLVING
    • PROJECT MANAGEMENT
    • PROJECT WORK WARM UP
    • IL MONDO DEL LAVORO
    • SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO
     
    • Organizzazione aziendale
    • Lo scenario competitivo e l’impresa
    • Le strutture organizzative
    • La cultura organizzativa
    • Comportamenti organizzativi e opportunità delle diversità
    • Diritto sindacale e relazioni industriali: l’azione collettiva dei lavoratori all'interno ed al di fuori dell’azienda
    • Le fonti del Diritto del lavoro: legge e contrattazione collettiva
    • Diritto del lavoro: autonomia e subordinazione
    • Le tipologie contrattuali: il tipo ordinario ed i tipi speciali
    • Gli adempimenti amministrativi, fiscali, previdenziali ed assistenziali in tema di contratto di lavoro
    • La gestione del rapporto di lavoro: diritti ed obblighi delle parti
    • Modelli di organizzazione del lavoro in azienda: gli appalti ed i fenomeni interpositori
    • La cessazione del rapporto di lavoro: dimissioni e licenziamenti
    • La sicurezza sul lavoro
    • La previdenza sociale
    • Il sistema degli ammortizzatori sociali
    • I fondi europei per il lavoro e la formazione, e l'agenda europea delle politiche per il lavoro
    • La Selezione in un sistema organizzato
    • La valutazione: i processi cognitivi, gli errori della percezione e l'impatto sulla valutazione finale
    • La definizione del job profile: dagli obiettivi strategici di business alle skills distintive sia soft che tecniche
    • La progettazione delle prove di selezione in funzione delle skills da indagare: strutturate, semistrutturate, individuali e di gruppo
    • Il colloquio: fasi, metodologie, uso delle domande, gestione della relazione, aree di indagine
    • L'organizzazione della selezione: tempi metodologie e strumenti
    • La reportistica profilo di sintesi e per skills: la rosa dei candidati all'azienda
    • Applicazione della Programmazione Neuro Linguistica alla selezione
    • Analisi CV e lettera di presentazione
    • Simulazione colloqui di selezione
    • Mercato del lavoro 
    • Strumenti e metodologie di lettura del mercato del lavoro 
    • Analisi dei fabbisogni aziendali 
    • Strumenti di monitoraggio, applicativi e banche dati nazionali e regionali 
    • Applicativi e Strumenti informatici, interrogazione di banche dati rilevanti per l'incrocio domanda offerta, reti regionali e nazionali, e gestione formale e digitale dei percorsi personalizzati. 
    • La formazione e le politiche attive del lavoro (PAL) e il ruolo dei diversi attori del mercato nei percorsi di accompagnamento al lavoro. 
    • Livelli Essenziali di Prestazione (LEP), Patto di Servizio personalizzato, Assegno di ricollocazione. 
    • Formazione e PAL per l'inserimento e il reinserimento lavorativo
    • Ruolo degli attori nel nuovo mercato del lavoro. Normativa e procedure.
    • Tecniche e metodologie di sviluppo delle risorse umane 
    • Tutorship, counselling, coaching, mentoring, sponsorship 
    • Orientamento e career management oggi 
    • Bilancio delle competenze, ricerca informativa e job hunting 
    • Networking: metodologie di gestione delle tecnologie di rete sociale.
    • Le dimensioni del cambiamento
    • Le dimensioni del cambiamento di carriera su cui lavorare: status, sistemi di valori, convinzioni e atteggiamenti, skill, emozioni, informazione.
    • Modelli di costruzione degli obiettivi ben formati e loro applicazione nella costruzione di obiettivi professionali

    • La relazione e il non verbale
      • Il lavoro sulla relazione: sintonia, corpo e emozioni nel rapporto di career coaching.
      • Ricalco, pacing e acutezza sensoriale nell'ascolto attivo.
    • Il lavoro sulla relazione: il linguaggio
      •  Analisi delle dimensioni verbali e linguistiche della comunicazione. Tecniche di utilizzo delle domande.
    • Il lavoro sulle emozioni
      • Tecniche psicosociali e corporee per il supporto cognitivo e emozionale a chi cerca o vuole cambiare lavoro: comportamenti e emozioni nel job-hunting
    • Il cambiamento di prospettiva, la ristrutturazione
      • Esercizi sulle posizioni percettive
      • Le convinzioni: esercizi sul cambiamento
    • Applicazione delle tecniche di coaching al bilancio delle competenze e alle tecniche di ricerca del lavoro
      •  La ricerca di informazioni: contesti aziendali e mercato del lavoro nascosto
      • Le tecniche di ricerca del lavoro e Job-hunting: perchè occorre ancora insegnare a cercare lavoro. Il modello e le tecniche basate sull’offerta di lavoro. Le tecniche basate sulla domanda.
      • Lo scouting e il modello direttivo-persuasivo basato sulla domanda di lavoro per l’utenza difficile. 
      • Il career coaching: la storia, gli approcci, gli sviluppi. Alcune aporie e paradossi italiani.
      • L'approccio basato sulla domanda di lavoro e la sua evoluzione: dal Career Change Coaching all’Income Security Coaching
    • Case management
      • Profiling e analisi dei fabbisogni dell'utenza
      • Employability, occupabilità e profiling soggettivo e oggettivo dell'utenza
      • Case management nei percorsi di accompagnamento al lavoro: struttura, metodologia e strumenti 
      • Progettazione personalizzata di impiegabilità - Bilancio delle competenze e strumenti di job design per la costruzione degli obiettivi formativi e professionali
      • Tecniche di ricerca del lavoro basate sulla domanda e sull'offerta
      • Tecniche di career coaching e colloquio di orientamento individuale e in gruppo a supporto dell'empowerment dell'utente
     
    • Metodologie di psicologia e sociologia di supporto alle transizioni
    • Diversity Management: riconoscere le differenze per gestirle attivamente, fare leva su di esse per aumentare la competitività dell’azienda e le possibilità di successo, promuovere la differenza come fattore di qualità del lavoro.
    • Le utenze speciali: lavorare con i gruppi a rischio di emarginazione, i diversamente abili, gli immigrati, etc.
    • Le reti territoriali di inclusione sociale ed il welfare contrattuale, strumenti e percorsi di assistenza alla transizione tra lavoro e lavoro: orientamento, formazione, tutoraggio, counseling, politiche di genere, etc.
    • Logica della lingua inglese
    • Descrizione del lavoro e delle responsabilità
    • Esporre organizzazione e risultati
    • Descrivere attività aziendali, crescita e sviluppo aziendale
    • Negoziare e gestire una riunione
    • Redigere il proprio CV in inglese
    • Sistema operativo
    • Laboratorio avanzato di Word, Excel, Access, Power point
    • Internet e Email
    • Utilizzo dei browser Internet

    Requisiti in ingresso

    Motivazione, capacità relazionali, propensione alle professioni d’aiuto, laurea: 

    • Triennale (di primo livello): che hanno l’obiettivo di accelerare il percorso di “introduzione” al lavoro
    • Specialistici (di secondo livello): che hanno l’obiettivo, dopo una formazione universitaria completa ma ancora “limitata” nei contenuti professionalizzanti, di entrare nel mondo del lavoro attraverso un canale privilegiato e mirato all'area desiderata.

    Sbocchi occupazionali

    Tale figura è fortemente spendibile in diversi contesti lavorativi, dalle organizzazioni produttive alle società di consulenza sulle tematiche dello sviluppo professionale, del supporto alle transizioni e la gestione del cambiamento sia nel sistema privato che pubblico. 

    Certificazioni

    • Diploma di Master

    Note

    I Job Master IFOA sono caratterizzati da un approccio “on the job”, mirato al SAPER FARE ed orientato alla vita d'azienda.

    La formazione in aula, momento centrale ed insostituibile della didattica IFOA, consente l’acquisizione di contenuti “specifici”, orientati e focalizzati sulle esigenze delle imprese, grazie a:

    • continua alternanza tra lezioni frontali teoriche ed esercitazioni pratiche
    • costante attività di laboratorio
    • puntuale analisi di casi aziendali
    • lavoro in team

    Nei Job master IFOA ad una solida formazione teorica è sempre affiancata una consistente applicazione pratica: ogni modulo didattico è caratterizzato dall'alternanza tra teoria e discussione di casi aziendali che derivano dalla pluriennale esperienza sul campo dei nostri consulenti/formatori.

    La formazione in aula è inoltre integrata e completata da una solida esperienza sul campo grazie a:

    • testimonianze e visite aziendali
    • esperienza di team building in outdoor training
    • Stage aziendale di 500 ore

    Il metodo didattico si basa infine sulla presenza di un Coordinatore/Responsabile di Master e di un Tutor che affiancheranno l'allievo lungo tutto il percorso formativo: durante la fase di formazione in aula e durante la fase di stage aziendale.

    Visualizza la dichiarazione sostitutiva di certificazione.


    Corsi correlati

    Richiedi info
    (ci permette di fornirti un servizio più veloce e preciso)
    Informativa Privacy (Reg. UE 2016/679)
    L'informativa estesa relativa al trattamento dei suoi dati personali da parte IFOA la trova all'indirizzo https://www.privacylab.it/informativa.php?09395343333
    Presta inoltre il suo consenso al trattamento dei dati personali per le finalità facoltative sotto riportate?
    Invio di comunicazione su eventi, servizi e prodotti Ifoa