Tutti i post della categoria 'Album dei ricordi'

25 maggio

GA2

Con una visita aziendale, come quella stimolante ed entusiasmante del 9 maggio a Bologna a”Grafiche dell’Artiere“, una delle aziende italiane di stampa e sviluppo di progetti grafici rinomata per l’altissimo livello di innovazione e qualità. Gli allievi del Post Diploma IFOA “Communication & Design“, accompagnati in questa uscita da Vito Melita, Designer e Art Director e loro docente di Concept & production design, hanno potuto vedere da vicino come si realizza un prodotto grafico, hanno raccolto spunti per il project work che stanno realizzando in aula e si sono immersi nell’atmosfera di quel lavoro appassionante che sarà la loro professione futura.

Giuseppe, Elena, Gabriele e Francesca hanno commentato così:

“Grafiche dell’Artiere”. Artiere, è la parola che unisce le abilità dell’artista e quelle dell’artigiano e che evoca tradizione, storia, passione. Sensazioni che si fanno più forti e si confermano un volta entrati nella sede. Mi ha colpito l’organizzazione, il lavoro sincrono dei reparti, una catena senza anelli deboli che va dal controllo stampa allo stampaggio vero e proprio, fino ad arrivare alla fase di rilegatura, ancora fatta artigianalmente.  Ciò che muove tutta l’azienda è la passione che il fondatore, il Sig. Gamberini, trasmette a tutti i suoi dipendenti e che ci ha contagiati! Un’esperienza, questa, che completa il nostro percorso formativo consegnandoci l’idea di ciò che dovrebbe essere un’azienda sana e che funziona, di cosa voglia dire lavorare nelle arti grafiche con tutte le fasi che portano al prodotto finito.

Giuseppe, 27 anni, Bari

L’ordine e la pulizia dei locali dove sono situate le macchine da stampa e da lavorazione è un dettaglio che balza all’occhio, non scontato, e che secondo me è indice della qualità dei prodotti realizzati ma anche della professionalità con cui si muovono i dipendenti. Osservare da vicino e toccare con mano le fasi di stampa mi ha fatto capire che in questo processo lavorativo non c’è il “lavoro di altri”, ma ogni passaggio è parte integrante di una figura come la nostra. Conoscere tutte le potenzialità della stampa e delle lavorazioni è un modo per aumentare la creatività e ampliare le possibilità di realizzazione di un’idea.

Elena 20 anni, Reggio Emilia

Interessante vedere i processi produttivi, capire come ragionare sulla realizzazione di determinate lavorazioni come la stampa a caldo o la cucitura di un libretto. Mi piacerebbe tornare in futuro in Grafiche dell’Artiere, ma con più consapevolezza e conoscenze per poter comprendere meglio alcune descrizioni del lavoro. La vista a una realtà aziendale come questa è fondamentale per chi compie studi come il nostro, non ho nessun dubbio su questo”.

                Gabriele 36 anni, Scandiano

Vedere i macchinari per la stampa offset e digitale, le macchine cucitrici per la rilegatura è stato molto importante. Ho fatto qualche domanda per trovare la soluzione migliore nella realizzazione di un mockup che fosse il più possibile simile ad un brick di Tetrapack. Mi è stato dato un suggerimento molto utile al quale non avevo pensato prima e in questo modo sono riuscita a visualizzare meglio le idee per i Project work che dovremo realizzare a breve.

Francesca Maria 27 anni, Bologna

05 novembre
#RaccontaciIFOA: la storia di Rossella Garbellotto. Funzionario presso ACIMAC. Modena. “Un’esperienza professionale ed umana”: così ha definito…
04 novembre
#RaccontaciIFOA: la storia di Marco Curti. Independent Education Management Professional. Reggio Emilia. Marco per 10 anni è stato responsabile del Settore Marketing, Vendita…
31 ottobre
#RaccontaciIFOA: la storia di Alessandro Dileo. Responsabile Marketing. Andria-Barletta-Trani. Alessandro ha lavorato nella sede IFOA di Bari per 9 anni; di quell’esperienza…
31 ottobre
#RaccontaciIFOA: la storia di Giorgio Gandellini. Managing Partner, Nestplan International. Vernon, France. Giorgio è un nostro docente da diversi anni e nella sua testimonianza ci…